Sergio Paronetto sul documento del Movimento Nonviolento

una marcia per il disarmo e la difesa nonviolenta

 Cari amici, secondo me il documento del ‘movimento nonviolento’ sulla sua non partecipazione alla marcia del 9 ottobre contiene cose buone ma anche (come capita spesso a tutti noi in molti casi), alcune contraddizioni e qualche elemento autoreferenziale. 
La marcia Perugia-Assisi è da anni un evento popolare che va oltre questo o quel gruppo promotore o partecipante. E’ vero che il testo base è generico ma contiene idee alternative al clima xenofobo e militarista presente in buona parte della popolazione italiana-europea e può essere accompagnato da proposte più precise. Penso sia utile abitare la marcia con attiva pazienza offrendo il proprio contributo.
Rielenco gli obiettivi politici concreti  da due mesi presentati ai promotori ma che, in ogni, caso vogliamo proporre ai compagni di viaggio, al governo, al parlamento e agli italiani che intenderanno ascoltare:
– riduzione delle spese militari e loro riconversione sociale, antisismica e antidissesto idrogeologico (uno degli ambiti dell’auspicata Difesa non violenta);  – attuazione della Difesa popolare non armata e nonviolenta;  – stop alla produzione degli F-35 e non installazione delle nuove bombe nucleari B 61-12;
– blocco dell’invio di armi in tutto il Medio Oriente e in Arabia Saudita nel rispetto della legge 185/90;
– il rifiuto di spedizioni militari in Libia e altrove.
Un cantiere sempre aperto a tutti.  Buon cammino. Shalom.
Sergio Paronetto (Pax Christi)