Senzatomica e Rete Disarmo commentano negativamente reazione Farnesina a Nobel Pace per ICAN

In una giornata segnata dall’entusiasmo e dall’esultanza per l’attribuzione del Nobel per la Pace ad ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapon) – un Nobel che riconosce come determinante l’apporto delle organizzazioni della società civile nel cammino che ha portato all’approvazione, il 7 luglio, del Trattato per la messa al bando delle armi nucleari – colpisce (ma non sorprende) constatare la difficoltà in cui si trova la Farnesina.
 
Troppo impacciata e scialba è infatti la nota del Ministero degli Esteri, nella quale non una parola di congratulazioni ad ICAN viene spesa (dando semplicemente atto del Nobel) e non è neppure nominato (come si addice, del resto, ad un “convitato di pietra”), il Trattato di messa al bando: si ribadisce invece (quasi giustificazione non richiesta) la centralità del Trattato di Non Proliferazione, dando una rappresentazione ambigua di una concorrenza tra i due Trattati che sono, al contrario, pienamente complementari e senza peraltro alcuna indicazione, anche minima, su azioni concrete di implementazione dell’obbligo – previsto proprio dall’art. VI dell’invocato Trattato di non proliferazione – di concrete iniziative per un disarmo nucleare totale. La contraddizione è evidente: si tenta di sminuire il Trattato di messa al bando mettendo al centro il Trattato di non proliferazione, ma si omette di dire quali passi avanti significativi ci sono nel processo di disarmo nucleare totale che lo stesso Trattato di non proliferazione indica come obiettivo e come obbligo da quasi 40 anni!
In anni passati l’Italia è stata tra quei Paesi che si sono impegnati – e distinti per l’eccellente contributo – a fianco di campagne globali sostenute da vaste coalizioni popolari, come la moratoria della pena di morte o la messa al bando delle mine antipersona o delle bombe a grappolo.  Dispiace che oggi l’Italia si trovi invece dalla “parte sbagliata” della Storia, quella per la quale il Nobel ad ICAN è, politicamente, una forte delegittimazione: una delegittimazione che non potrà passare sotto silenzio, data la risonanza mondiale del premio, che contribuirà a rendere pubblica la conta di chi è a favore e di chi è contro il Trattato per la messa al bando.
Rete Italiana Disarmo e Senzatomica chiedono ancora una volta al Governo Italiano di muoversi in sintonia con la maggioranza dei cittadini e delle cittadine d’Italia e del mondo, firmando e ratificando il Trattato.
Perché, come diceva Victor Hugo, “niente al mondo è così potente quanto un’idea della quale sia giunto il tempo”:  il Nobel per la pace ad ICAN – e alle decine e decine di organizzazioni che ne fanno parte, tra cui Rete Disarmo e Senzatomica – dimostra che il tempo di un mondo libero da armi nucleari è ora.
__________________________________________
Per ulteriori contatti:
Senzatomica – ufficiostampa@senzatomica.it – + 39 338 6167247
Rete Italiana per il Disarmo – segreteria@disarmo.org – +39 328 3399267

Nobel per la pace alla campagna per il disarmo nucleare

Con grande soddisfazione la Rete Italiana per il Disarmo e la Campagna Senzatomica hanno appreso la notizia della assegnazione del Premio Nobel per la Pace alla International Campaign to Abolish Nuclear Weapons di cui fanno parte e per cui hanno lavorato e si sono mobilitate negli ultimi anni. E’ un riconoscimento che premia gli sforzi della società civile  Continue reading

Approvato al’ONU il Trattato di messa al bando delle armi nucleari.

Approvato al’ONU il Trattato di messa al bando delle armi nucleari. Senzatomica e Rete Disarmo: “Inizia una nuova era per il disarmo nucleare”.
 
Con 122 voti favorevoli, 1 contrario e 1 astensione, la Conferenza delle Nazioni Unite per  Continue reading

La peace boat il 13 maggio a Cagliari

La “Peace Boat” a Cagliari, per un mondo libero da armi nucleari

Sabato 13 maggio unica tappa italiana dell’iniziativa giapponese, con la presenza dei superstiti di Hiroshima e Nagasaki. Occasione di rilancio del percorso internazionale di messa al bando degli ordigni nucleari, con invito all’Italia a partecipare ai negoziati di New York
Peace Boat 2017

“Un appuntamento importante per tutte le realtà impegnate nel percorso di disarmo nucleare”. E’ con questo spirito che Rete Italiana per il Disarmo e Senzatomica (le due realtà italiane impegnate nella International Campaing to Abolish Nuclear Weapons) hanno deciso di accompagnare e rafforzare l’unica tappa italiana per il 2017 della “Peace Boat”, che si fermerà a Cagliri sabato 13 maggio. Ormai dal 2008 l’ONG giapponese “Peace Boat” ha invitato gli Hibakusha (cioè sopravvissuti alle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki e i loro familiari) a partecipare ad un viaggio per il mondo per portare la propria testimonianza e chiedere la messa al bando delle armi nucleari e la distruzione di tutti gli arsenali relativi, dove si contanto ancora oggi oltre 15.000 testate. Per il 90% tali ordigni sono nelle mani di Stati Uniti e Russia, mentre il restante 10% è posseduto da Cina, Gran Bretagna, Francia, Israele, India, Pakistan e Nord Corea. Oggi il rischio di una guerra nucleare è più che mai attuale, come testimoniano anche le lancette del “Doomsday clock” (l’orologio dell’Apocalisse), l’orologio metaforico che ci dice quanto siamo vicini alla fine del mondo. Per quest’anno il Bullettin of Atomic Scientist ha avvicinato le lancette ancora alla mezzanotte (mancano due minuti e mezzo) proprio a causa del rischio nucleare. Tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo per impedire questa possibile catastrofe.
PEACE BOAT logo

La data del 13 Maggio cade opportunamente ed è ben presente nella memoria storica di Cagliari, sia per i bombardamenti del 13 Maggio 1943 che per la marcia per la pace e la non violenza promossa nel 1962 in città da Aldo Capitini e riproposta più recentemente nel 2012.
“Pensiamo che sia un’importante occasione per manifestare il nostro profondo ripudio per qualunque guerra e, in particolare, lottare per un mondo senza bombe atomiche – sottolineano le numerose associazioni  della Sardegna chehanno deciso di cooperare per realizzare la giornata di eventi legata alla Peace Boat – Noi sardi non possiamo non sentirci coinvolti, anche perché sulla Sardegna grava la presenza di oltre il 60% delle basi militari stanziate sul territorio italiano, dove vengono testate anche bombe all’uranio impoverito. Da anni inoltre pesa sulla nostra terra la terribile minaccia di essere indicata come deposito nazionale unico delle scorie radioattive.”.

Il programma della giornata sarà intenso e importante. Una delegazione della “Peace Boat” si recherà in mattinata presso l’Istituto Tecnico Nautico “Buccari” di Cagliari, per un incontro e un dibattito con gli studenti e gli insegnanti. Nel primo pomeriggio sarà invece ricevuta dai rappresentanti delle Istituzioni locali, con la presenza anche di diversi Parlamentari sardi, oltre che dai referenti di associazioni e Movimenti

Infine alle 17, presso il Teatro Massimo, l’evento pubblico a cui tutta la popolazione è invitata a partecipare, per ascoltare le testimonianze dei sopravvissuti alle bombe atomiche sganciate nell’Agosto del 1945. Parleranno anche i rappresentanti delle campagne internazionali contro le armi nucleari e gli esperti sui poligoni sardi e fino alle 19 vi sarà spazio per le domande e il dibattito.

La delegazione della Peace Boat rilancerà in quella sede l’appello degli Hibakusha per l’eliminazione delle armi nucleari. Una giornata di incontri e scambio con chi ha vissuto l’incubo atomico, per costruire insieme un percorso di abolizione delle armi nucleari. E con la richiesta che anche il Governo Italiano decida di partecipare alla seconda sessione di Negoziati (in programma a New York da metà giugno ad inizio luglio 2017) per l’approvazione di un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari.